Ciao,

maggio è stato un mese tutto americano: partita alla scoperta del percorso olimpico di Rio con la nazionale i primi del mese IMG 20160531 0323041per trasferirmi poi con la squadra in Nord America e precisamente in California per l'AMGEN tour, a Winston Salem in Carolina del Nord e infine a Philadelphia in Pennsylvania. Un mese pieno di esperienze, fatiche, soddisfazioni e imprevisti ma che ricorderò per la prima vittoria dell'anno con la maglia della Cylance proprio a Winston Salem.

 

 

Il percorso olimpico è duro come si dice e il clima non aiuta, c'è un'umidità che non ti permette quasi di usare gli occhiali in bici, ma per ora non mi preoccupa visto che le selezioni non sono ancora state fatte e quindi il momento di concentrarsi sugli allenamenti nella speranza di ottenere buoni risultati.

1463203243153Così volo a San Francisco con la mia compagna Valentina Scandolara e dopo qualche giorno di turismo e allenamenti duri nei fantastici parchi nazionali appena oltre il Golden Bridge, raggiungiamo la Cylance per il tour di California. Prima tappa in altura a 2000 m con arrivo su uno strappo, niente di facile insomma, ma riesco a ottenere un ottimo sesto posto e ad indossare la maglia dei giovani. La sfortuna però è ben presto tornata, con una foratura nella terza tappa in una discesa tecnica che mi ha costretto ad aspettare minuti e poi ad inseguire invano la testa della gara con la squadra per tutta la tappa.IMG-20160520-WA0004

Con l'amaro in bocca ma con la consapevolezza della buona condizione fisica arrivo poi a Winston Salem, dove con Valentina S.  siamo ospiti di una gentilissima famiglia a cui abbiamo provato a presentare la cucina italiana, cucinando per loro un risotto alla milanese la sera prima della gara. Sarà l'ambiente di casa o la cucina italiana ma il giorno dopo per la squadra e per me e Valentina specialmente è stata una giornata super."Gamba piena" dal risotto probabilmente e con il supporto della squadra affrontiamo la gara all'attacco sin dall'inizio. Negli ultimi 12 km poi, con un attacco, vado in fuga solitaria fino al traguardo, godendomi il momento che aspettavo da tanto, per ringraziare tutti quelli che mi han sostenuto anche nei momenti difficili l'anno scorso e la Cylance che ha sempre creduto in me. Ciliegina sulla torta messa da Valentina che vince lo sprint del gruppo facendo così doppietta per Cylance.

Durante l'ultimo trasferimento, passando per la storica Gettysburg in vista della prova World tour di Philadelphia però inizio a subire qualche sintomo influenza e a soli due giorni dall'importante gara mi ritrovo con febbre alta e placche in gola. Niente da fare se non riposare e iniziare la cura con gli antibiotici. Gara compromessa ovviamente dovendo correre ad alte temperature con la febbre e le placche in gola ma riesco comunque ad aiutare la mia compagna Kristabel a prendere posizione per il muro finale.

Domani sono già in partenza per Londra in vista del Aviva Women's Tour, 15-19 giugno, fondamentale per prepararmi al meglio ai campionati nazionali crono di Romanengo del 22 e strada del 25 che si svolgeranno a Costa Volpino.

Ciao!

 

 

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Twitter

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy.